La più bella lettera del mondo

“La vita fa presto a riformare dei vincoli che prendono il posto di quelli da cui ci si sente liberati: qualunque cosa si faccia e ovunque si vada, dei muri ci si levano intorno creati da noi, dapprima riparo e subito prigione.” – (Marguerite Yourcenar)

Niente di più vero!

Un breve post per parlare della vita, di quanto sia bizzarra e di come, alle volte, ci irrida e ci lasci credere che ci siamo liberati di un peso. Ci illude, la vita. Ci fa credere forti, che certe cose non possano più accadere, eppure…
Eppure in un attimo la trama da cui crediamo di esserci liberati si riforma, in un attimo. 

Ho riletto la lettera d’amore scritta da Johnny Cash, il mitico chitarrista americano, alla moglie June Carter Cash. Questa è stata eletta una delle più belle lettere d’amore di tutti i tempi.
Jonhhy Cash la scrisse nel 1994 in occasione del 65° compleanno di June, dopo quasi trent’anni di matrimonio.

“Buon compleanno principessa, 

Diventiamo vecchi e ci siamo abituati a stare insieme.
Ci leggiamo nella mente, pensiamo allo stesso modo.
Sappiamo cosa ciascuno vuole dall’altro senza neanche chiedere.
Talvolta ci irritiamo a vicenda. Forse qualche volta ci diamo per scontati.
Ma una volta ogni tanto, come oggi, penso a tutto ciò e realizzo quanto io sia fortunato a condividere la mia vita con la donna più meravigliosa che abbia mai incontrato.
Tu mi mi spingi a dare sempre il meglio di me.
Sei l’oggetto del mio desiderio, sei la prima ragione sulla terra della mia esistenza.
Ti amo tanto. 

Buon compleanno principessa.”

E’ una lettera così semplice, ma dice davvero tutto ciò che c’è da dire.
Dice tutto ciò che c’è da volere.
Va proprio scritta una lettera così, almeno una volta nella vita.

Ecco la trama da cui non è possibile liberarsi, mai.

 

Please follow and like us:
0

I post recenti

L’archivio

Written by:

Essere imprenditore significa lavorare tanto, pensare sempre alla tua azienda, vivere con la tua creatura in testa giorno e notte. Il mio lavoro e, quindi, questo blog contengono la sintesi e la metafora di una vita vissuta alla ricerca di qualcosa capace di soddisfare la mia curiosità e il mio desiderio di mettermi alla prova senza limiti o preconcetti.