Certi giorni una vita è troppo poco

Di spini e di scaluni, chianti, risati, vasuni, “aspettimi ca tornu”, “ucca ciarusa e duci”, “manu leggia e saggia”, “milli voti ti resi u ma cori e milli voti mi lu turnasti”, amurusanza e vicchiania ca veni e pari astutari i lampi da cuntintizza… ‘i tuttu chistu è fatta a vita. Chiddu c’arresta è ciatu ‘mpinciutu na ucca ‘i ‘n’ ancilu.“- Tea Ranno 

(traduzione: Di spine e scale, pianti, risate, baci, “aspettami che torno”, “bocca profumata e dolce”, “mano leggera e quieta”, “mille volte ti detti il mio cuore e mille me lo tornasti”, amurusanza e vecchiaia che viene a spegnere i lampi della contentezza… di tutto questo è fatta la vita. Quello che resta è fiato impigliato nella bocca di un angelo.)

Certi giorni, una vita è troppo poco. E’ come se una vita sola non bastasse.
In questi giorni, capisco l’ossessiva domanda di mio padre negli ultimi mesi di vita: “Cosa devo fare? Come posso fare? Quante cose ancora da fare?”. Alle volte, la vita corre così velocemente che non riesco nemmeno a vedere bene le cose che accadono attorno.

Allora mi piacerebbe tornare indietro nel tempo e osservare i momenti che valevano la pena di essere vissuti. Vorrei vederli con altri occhi e magare prenderne un piccolo ricordo.  Che ne so, un oggetto, un libro, una frase, qualsiasi cosa.  Penso che se li mettessi tutti insieme questi ricordi e questi piccoli, ricostruirei i passaggi più importanti della mia vita.

Certi giorni a pensarci bene una vita non sono neanche tanti giorni. Troppe cose da fare, troppe idee, troppi desideri, troppi obiettivi, troppi posti da visitare, troppi libri da leggere, troppe persone da conoscere, troppe da ricordare.

E quella specie di pila atomica interna che mi muove freneticamente, alimenta miliardi di pensieri e preoccupazioni.

In questi giorni, vedere il tramonto mi innervosisce, perché penso che è passato un altro giorno e tutto sommato sono sempre allo stesso punto. Allora penso che i tramonti andrebbero visti solo con le persone davvero importanti.

Please follow and like us:
0

I post recenti

L’archivio

Written by:

Essere imprenditore significa lavorare tanto, pensare sempre alla tua azienda, vivere con la tua creatura in testa giorno e notte. Il mio lavoro e, quindi, questo blog contengono la sintesi e la metafora di una vita vissuta alla ricerca di qualcosa capace di soddisfare la mia curiosità e il mio desiderio di mettermi alla prova senza limiti o preconcetti.